dicembre 14, 2017info@lastradadellapizza.itContattateci

La Pizza Aggiustata

Home / Cultura / La Pizza Aggiustata

La Pizza Aggiustata

poesia

 

 

Sbracato sotto la frascata

dell’osteria, Hostaria ribattezzata,

fa tanto fino se sa. De cotto e

de scotto strolicava er PACIOCCO,

ar Pisciarolo, dinanzi a Ponte Rotto

ner mentre che leggeva dar giornale

storie di Satanassi e de fardone,

gnente male. All’improvviso sbotta:

Anvedi “Bravi! che se so ‘nventati questi!!!

Na strada tutta pizza, bira e vino”.

Un sito d’abbitacce e ‘n morì mai,

me pare er PARADISO… armeno pe li Romani.

A sor du Fodere, tanto de tubba

a parlà della Pizza… quanno che

la magnate, ‘n bocca nun mettete

gusto solo e bontà, ma Curtura

e storia de na decina de mijara d’anni.

No p’avantamme, ma della pizza

so misfatti e fatti… si me stai a sentì.

A Babbilogna magnaveno la pizza,

li Faraoni, la rubborno a li Giudii,

che l’avevano avuta pè bon peso

quanno Mosè se fece da le tavole de bronzo,

a Roma, stufa delle cene luculliane,

la rilanciorno della diaspora li fij

così quella che era solo na focaccia,

ricoperta de tutte cose bbone,

se ‘ntitolò onfa, placenta, crustum

e….. PINZA.

Se sparse in tutto er monno

se chiamasse burgutta. Angera o pitta

sempre quella era fino ar cinquecento.

Un’intuizione, er caso o nà scerta obbrigata.

De pomidori la ricoprì e se chiamò aggiustata,

come dì guarnita, arricchita, a misura

de gusto e de palato.

Nascheno du’ scole pizzettare,

‘ndove la bontà de li prodotti,

la fantasia e er bisogno, tanto,

se so ‘nventati na cosetta

che ha conquistato er tavolo dei re.

E’ morbidosa a Napoli, co’ i bordi abbuticchiati,

pè affonnà mejo li denti e accoje sarse

che sanno de Vjsuvio e profumano de mare.

A Roma la vonno sottile e scrocchiarella,

quasi a ricordà la grande Ostia che

er Papa a Pasqua spartisce co li cardinali.

Ad aggiustalla quello che se produce

ner procoio e li profumi de na tera benedetta.

E su sta strade de ‘n paese de la Ciociaria,

divenuto de Roma alleato e Municipio

ce stanno tutte, senza risparambio,

colla sola obligazione de magnà e beve,

scialà senza pensieri, a li buffi poi ci penseremo.

Pe na vorta er povero cià ‘n piatto

che porta er ricco a fasse proletario.

Comprimenti a gente d’opra

e gente de pensiero che ha fatto

sta strada che cancella i piatti

de paesi senza sole, bujon, patis,

fondiù e rattatuje, seconno giustizia

premia er piatto proletario, garibardino e

TRICOLORE

Testo di Rodolfo Damiani

 

Leave a Comment

Contattaci

Per qualsiasi info contattateci, vi risponderemo quanto prima...

Not readable? Change text. captcha txt